domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Eventi > WOW women on wheels Canazei… Tutti i buoni motivi per non perdersi questa esperienza!
WOW Riding Italy donne in bici Canazei
Eventi

WOW women on wheels Canazei… Tutti i buoni motivi per non perdersi questa esperienza!

Ride Like a Girl Project ritorna in Val di Fassa per il WOW – Women On Wheels: quattro giorno di puro divertimento non solo in mountain bike!

Giusto il tempo di finire le riprese in Val di Fassa insieme ai ragazzi di Your Big Stories, tornare a casa, disfare le valige ed eccoci di nuovo a Canazei, questa volta per partecipare a un evento veramente unico… il WOW!

Che cos’è il WOW?

Per chi non ne avesse ancora sentito parlare (malissimo! :-D) WOW è l’acronimo di Women On Wheels un format di eventi che si svolgono in Italia e pensato per le biker di tutti i livelli di riding che amano la bicicletta.

È un evento di aggregazione, un’esperienza unica che permette alle partecipanti di migliorare le proprie abilità, testare materiale tecnico di vario tipo ma, soprattutto, offre la possibilità a noi ragazze di condividere la nostra passione con altre appasionate di questo. Il tutto attraverso camp, workshop, attività adrenaliniche, ma anche rilassanti.

Quest’anno gli eventi WOW proposti erano due: uno a Lecco, a metà maggio e l’altro a Canazei, dal 15 al 18 giugno, in occasione della seconda tappa del Superenduro.

Vista la nostra collaborazione con 4Guimp che, gentilmente, ci ha supportato fornendoci del materiale tecnico per i video della Val di Fassa, quale occasione migliore per presentare in anteprima alle altre ragazze proprio quei video appena sfornati?

Le ambasciatrici del WOW 2017

Dettaglio da non sottovalutare il WOW offre ogni anno, alle ragazze che partecipano all’evento, la possibilità di girare con delle guide d’eccezione.

Ambasciatrici dell'evento WOW a Canazei

In particolare, quest’anno sapevamo che ci avrebbero accompagnato nei sentieri alcune pro-rider del mondo dell’enduro e del cross-country: Valentina Macheda, Anna Oberparleiter ma non solo, direttamente dalla svizzera le sorelle Anita e Carolin Gehrig e la fortissima canadese Andréane Lanthier Nadeau conosciuta anche come ALN.

Non so voi, ma io difficilmente (per non dire mai) ho l’occasione di girare con ragazze di questo calibro ed ero già emozionata anche solo all’idea di poterle vedere scendere per i sentieri del Superenduro in sella alla loro mountain bike, nella speranza di poter captare qualche loro segreto! 😀

DAY1

Elena e Charlotte, una nostra carissima amica nonché supporter, sono arrivate a Canazei il giovedì e hanno avuto modo di partecipare al Wow fin dal primo giorno. Non facevano che inviarmi foto insieme ad Anna, Valentina e Stefano (Dava) la nostra guida della Val di Fassa Bike che ci avrebbe guidato durante tutti i giorni dell’evento.

Il gruppo mi sembrava davvero simpatico e non vedevo l’ora di arrivare anche io… Che invidia!

WOW donne in bici con Anna Oberparleiter

DAY2: donne in bici nella Val Duron!

Il venerdì mattina metto la sveglia all’alba, carico la mia super C3 e parto per Canazei: obiettivo arrivare in tempo per la seconda attività prevista per la giornata, la pump track!

Per fortuna arrivo giusto giusto in tempo: le ragazze hanno appena finito la sessione di Yoga con Denis della Giacoma e sfrecciano per la pump dello Skills Center di Canazei che è un piacere vederle.

Decido di mettermi subito alla prova anche io: meglio sfruttare al 100% quest’occasione di avere un maestro mountain bike per migliorare la propria tecnica di guida!

Stefano è davvero preparato e simpatico, ci osserva una a una e ci dà qualche buon consiglio da mettere in pratica: “non frenare qui, ruota il bacino, piega la bici!”, così già dopo due-tre giri mi sento più sciolta.

Trascorsa un’oretta a scaldarci sulla pump arriva il momento più desiderato della giornata: tutte insieme ci dirigiamo a provare la ps4 della gara di domenica. Si tratta dell’unica prova speciale con un vero e proprio tratto di salita da pedalare… e che salita!

Il mio Garmin mi dice che in poco più di 6 km abbiamo fatto circa 500 mt di dislivello: in alcuni tratti, infatti, alcune di noi sono costrette a scendere dalla bici e spingerla a mano.donne in bici val duron

Ogni sforzo viene però ripagato dalla fantastica sosta al Rifugio Micheluzzi: un buon piatto di pastasciutta è proprio quello che ci vuole per ristorarci prima di tuffarci nella discesa.

Dopo aver pranzato ed esplorato brevemente la Val Duron seguiamo Stefano, Valentina, le sorelle Gehrig e ALN lungo la ps4.

La discesa è veramente uno spasso: il fondo è per lo più scorrevole, si susseguono curve veloci a tratti ripidi, il tutto condito da radici (asciutte per fortuna!) e qualche zona più rocciosa. Impossibile stare dietro alle nostre super guide, ma ogni tanto ci fermiamo per provare la linea migliore.

Mi sento come alle elementari quando i miei genitori mi portavano alle giostre e vorrei che la discesa non finisca mai, che divertimento!

Finita la discesa, siamo talmente elettrizzate che decidiamo insieme a Stefano di proseguire la nostra pedalata per un’altra breve salita: arrivati all’imbocco di un sentiero con indicazione Campitello, ci rimettiamo le ginocchiere e lo seguiamo per un altro divertentissimo trail che ci riporta in valle.

GRILL PARTY

La giornata in bici è finita, ma non sono finite le sorprese!

Per cena infatti ci aspetta una super grigliata (anche di verdure per le vegetariane come me) annaffiata da qualche spritz e da un buon vino bianco: non potevamo chiedere di meglio per concludere la giornata.

gril party WOW Canazei

Una serata rilassante è l’occasione per conoscere meglio le altre ragazze e scambiare qualche chiacchiera con loro: non solo, è arrivato il momento di mostrare l’anteprima di uno dei video prodotti in Val di Fassa.

Per noi è una grande emozione poter condividere con tutte loro i frutti di questo progetto a cui teniamo moltissimo!

DAY3: le prove speciali del Superenduro

Con l’arrivo del weekend il numero delle partecipanti è aumentato e ci siamo divise in due gruppi in base al proprio livello di riding.

Un gruppo avrebbe percorso alcuni sentieri con Stefano e fatto un po’ di scuola “guida” mentre l’altro, insieme a Valentina, avrebbe dedicato tutta la giornata alla prova delle prove speciali.

Visto il gran numero di partecipanti alla tappa del Superenduro di Canazei (più di 500!), abbiamo molta compagnia sui sentieri e con nostra sorpresa incrociamo diverse ragazze che si stanno cimentando nelle prove delle ps: visto il livello di difficoltà della gara non possiamo che fare i nostri complimenti a tutte loro!

Siete fenomenali! 😀

Valentina Macheda durante la prova di Superenduro a Canazei 2017

Prima di pranzo proviamo la ps2 e 1: la prima più scorrevole e flow, la seconda decisamente più tecnica e fisicamente impegnativa nella parte centrale, mettono a dura prova le nostre braccia e gambe.

Per fortuna abbiamo Valentina e Anna che ci guidano e che ci danno qualche buon suggerimento per affrontarle al meglio.

L’ora di pranzo arriva in un lampo e tutte abbiamo una gran fame. Ci rifocilliamo tutte insieme e saliamo in cabinovia per la ps3, una delle più divertenti fra tutte quelle che abbiamo avuto modo di provare.

In cima il panorama è veramente mozzafiato e la Marmolada, vista la giornata fantastica di sole, risplende di fronte a noi.

Avere l’occasione di pedalare in mezzo a tanta bellezza è veramente una sensazione impagabile: credo che la Val di Fassa sia uno fra i luoghi più spettacolari in cui mi sia capitato di girare con la mia bici. Consiglio a tutte, almeno una volta nella vita, di girare per quei sentieri!

Rientrate a Canazei, ahimè, saluto Valentina, Maria Luisa, l’organizzatrice dell’evento, e tutte le ragazze: è già il momento di tornare a Padova!

Sono certa che sarà soltanto la prima di altre occasioni in cui ci ritroveremo per pedalare tutte insieme all’avventura :-D.

DAY4: ultimo tour e saluti

Dalla ridente Padova continuo a seguire le ragazze attraverso foto e social e ho la conferma di essermi persa un altro giorno di puro divertimento!

Infatti, mentre le nostre guide sono alle prese con la prova del Superenduro, Stefano ha organizzato un altro giro spettacolare per le ragazze: il tour del Sassopiatto e del Sassolungo, altro must per chi non disdegna panorami da favola e sentieri super divertenti!

Che dire, c’è una sola esclamazione in grado di rendere al meglio i quattro giorni trascorsi… WOW!

Un grazie a tutte le ragazze che hanno reso questa esperienza veramente memorabile e alla prossima avventura, magari insieme a tutte le ragazze di Ride Like a Girl Project :-D!

Giulia Morandin
https://www.ridelikeagirlproject.com
La mountain bike è la mia più grande passione, mi piace andare all'avventura e scoprire località nuove e remote in sella alla mia bici. Umanista di formazione, sono un'amante della natura e dello sport, tanto da averne fatto una professione. Sono insegnate di pilates e di spinning e anche accompagnatrice mountain bike.

Rispondi