domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Consigli > Come lavare l’abbigliamento sportivo? Ve lo spieghiamo noi!
calzini da bici oxeego puliti e stesi
ConsigliFeaturedNews

Come lavare l’abbigliamento sportivo? Ve lo spieghiamo noi!

Come eliminare i cattivi odori e lo sporco ostinato dal vostro abbigliamento sportivo da ciclismo? Ecco alcuni consigli su come lavarlo.

L’abbigliamento sportivo richiede alcune piccole e facili attenzioni per quanto riguarda il lavaggio. Spesso, pensando che sia realizzato in tessuto resistente, non diamo peso al fatto che molti capi hanno un trattamento antibatterico e anti odore i quali lavaggio dopo lavaggio svaniscono e ci troviamo ad indossare indumenti che a contatto con il sudore creano uno sgradevole odore.

Ma, al giorno d’oggi, esistono piccoli accorgimenti o addirittura detergenti ideati appositamente per la cura del nostro abbigliamento da ciclismo.

Non serve lavare ad alte temperature che rischino di rovinare il tessuto del nostro kit preferito, ma anche ad acqua fredda (o massimo 30-40 gradi) possiamo facilmente eliminare sporco e odori.

Per chi pratica la mountain bike lo sporco più ostinato da trattare è sicuramente il fango, soprattutto se i capi sono chiari o addirittura bianchi.

Muniamoci di un po’ di pazienza e di olio di gomito per pre-lavare l’abbigliamento tecnico con sporco difficile.

Metodi casalinghi per lavare lo sporco ostinato sull’abbigliamento sportivo

Se avete la necessità di lavare l’abbigliamento sportivo e non avete alcun detergente specifico in casa, ecco cosa potete utilizzare in caso di emergenza prima di infilare i capi nella lavatrice:

  • se lo sporco è ostinato come fango o residui di strade bagnate lasciate in ammollo per almeno mezz’ora l’abbigliamento sportivo aggiungendo un cucchiaio di bicarbonato;
  • sfregate sapone di marsiglia sulle macchie e sulle zone maleodoranti.

Queste tecniche casalinghe, perchè siano efficaci, richiedono però tempo e pazienza e per nostra fortuna, negli ultimi anni, alcune aziende specializzate in detergenti hanno realizzato prodotti dedicati al lavaggio dell’abbigliamento sportivo.

Quali detergenti possiamo scegliere per lavare il nostro abbigliamento da ciclismo?

Abbiamo avuto modo nel tempo di testare diversi prodotti detergenti specifici per l’abbigliamento sportivo e siamo felici di potervene consigliare qualcuno di veramente valido. I risultati saranno abbigliamento pulito da fango e grasso e igenizzato con un gradevole profumo. 

I marchi come Walbike, Resolvbike, Bend36 e Rapha Wash sono aziende del mondo del ciclismo specializzati in prodotti per la bicicletta: dalla manutenzione della bicicletta, alla cura del corpo per chi pratica sport.

Eccoli elencati di seguito i detergenti che utilizziamo anche noi quotidianamente per il nostro abbigliamento da bici:

Cosa non usare per l’avare l’abbigliamento tecnico?

Regola numero 1 non usate prodotti troppo aggressivi come la candeggina o se ne avete la necessità cercate di versare una piccola quantità di ACE gentile o Napisan sulla parte da trattare per poi sciacquare quasi immediatamente. Fate prima una prova in un angolino nascosto del capo per verificare che il tessuto o il colore non si danneggi.

Regola numero 2 non usate l’ammorbidente in nessuna capo tecnico da bici perchè va a danneggiare tutte le parti trattate come la superficie impermeabile e anche i fondelli in gel dei pantaloncini.

Regola numero 3 fate attenzione ad asciugare in asciugatrice perchè i tessuti sintetici potrebbero seriamente danneggiarsi. Anche l’asciugatura a sole diretto non è consigliato specialmente per tutte le parti in pelle con i guanti o le scarpe.

Non ci resta che augurarvi buoni lavaggi a tutti.

#RideLikeaGirl

 

Elena Martinello
http://www.elenamartinello.com
Nata a Vicenza sono arrivata a un punto della vita in cui faccio ciò che amo: vado in bicicletta... scrivo, racconto e condivido il mondo del ciclismo femminile. Co-fondatrice della community Ride Like a Girl project, ho l'obiettivo di coinvolgere più donne ad avvicinarsi a questo mondo a due ruote. Social media manager, fotografa e viaggiatrice, sempre alla ricerca di emozioni che arricchiscono il mio modo di vedere le cose.

Rispondi