Home > GirlStories > GirlStories: Veronica Passoni, alla guida del Servizio Corse
girlstories donne che lavorano nel ciclismo
GirlStories

GirlStories: Veronica Passoni, alla guida del Servizio Corse

GirlStories, storie di donne e ciclismo continua… Oggi vi presentiamo Veronica Passoni.

Continuano le nostre GirlStories, storie di donne e ciclismo che lavorano dietro le quinte e che grazie alla nostra amica Michela Fenili vengono allo scoperto per farvi conoscere un lato che non vediamo e che solo gli addetti al lavoro sanno…

# GirlStories

Oggi si parla del mondo delle corse…

È una ragazza come noi, a capo della squadra di meccanici che salgono a bordo delle ammiraglie del Servizio Corse per garantire l’assistenza neutrale in gara al Giro d’Italia (e non solo): si chiama Veronica Passoni.

LEGGI ANCHE: #GirlStories: storie di donne che lavorano nel ciclismo

girlstories Veronica Passoni alla guida dell'assistenza neutrale in corsa al Giro d'Italia
Photo credit: Simone Galbiati

Quando le ammiraglie dei team professionisti non possono arrivare, entra in campo il Servizio Corse: una vera e propria squadra di meccanici e driver esperti che devono prontamente intervenire in gara e fornire supporto tecnico o assistenza di qualsiasi genere, su richiesta dei corridori.

Per far funzionare questa squadra formata da quindici uomini, serve una guida che si occupa di tutta l’organizzazione logistica, ma non solo… è qui che entra in campo Veronica.

Ma come inizia la sua storia?

Alcune volte il destino ha già scritto una strada per noi, ma noi non ce ne rendiamo conto subito. È il caso di Veronica: si fidanza giovanissima con il suo attuale marito e lo accompagna per tutte le gare di DH locali.

Lui… il classico fanatico della MTB a fine anni ’90.

“Si correva insieme a nomi come Bonanomi, Migliorini o Zanchi, si risparmiavano i soldi dai primi lavori per potersi comprare la Bazooka con la Bergman a steli rovesciati come Herin…”

Lei… la classica ragazza che accompagna il fidanzato.

Non avrebbe mai pensato di condividere con il marito la sua passione per la bici, finché un giorno non risponde ad un annuncio di lavoro per un’azienda che produce gomme per biciclette: la Vittoria S.p.A.

Inizia così la sua esperienza nel mondo del ciclismo, ben 12 anni fa.

girlstories Veronica Passoni alla guida dell’Assistenza Neutrale in Corsa al Giro d’Italia
Photo credit: Simone Galbiati

La sua esperienza alla guida del Servizio Corse inizia con Mavic

“I primi passi li ho mossi nel Servizio Corse Mavic (Vittoria distribuiva Mavic in Italia e collaborava nella gestione del loro Servizio Corse). Io ero semplicemente la ragazza delle PR” – ci racconta Veronica.

“Il team era già consolidato e affiatato, metà italiano e metà francese. Entrare in un gruppo di uomini esperti, già rodati nel mondo del ciclismo, mi ha fatto sentire un pesce fuor d’acqua per diversi mesi, con tanta paura di non essere all’altezza” – ci confida.

“Ricordo il mio primo Giro d’Italia nel 2008: partenza dalla Sicilia… appena arrivata volevo girare la macchina per tornare a casa!

Il responsabile del Servizio Corse Mavic però ha saputo darmi fiducia. Piano piano ho iniziato a conoscere le persone, i team, i ruoli da rispettare e a farmi spazio. Tutto quello che so nella gestione del Servizio Corse è anche merito suo: grazie Jacques!”

Il vero team di lavoro si consolida con Vittoria

“Quando poi si è presentata l’occasione di gestire il Servizio Corse passato a Vittoria ero già in parte rodata: sapevo come muovermi, ma avevo bisogno di persone fidate e con la mia stessa passione, per costruire un team valido.

Per me era una nuova sfida: un’occasione per far vedere che essere appassionati di bici non vuol dire solo pedalare!

La scelta dei membri del team è stato uno degli aspetti che all’inizio non mi ha preoccupato: scegliendo meccanici nell’ambiente avevo dato per scontato che fossero tutti capaci.

La notte della prima gara però sono stata assalita da mille dubbi: se non sono in grado di sostenere la pressione e intervenire prontamente? Se sbagliano di fronte alla TV?
Lavorare in officina non è la stessa cosa.

Il risultato: debutto a pieni voti alle Strade Bianche, la gara tecnicamente più difficile per un meccanico!

Da quel giorno si è creato un vero team di lavoro, ma ancora più importante, un gruppo di amici che per passione seguono le corse e non vedono l’ora di ritrovarsi per impegnarsi alla prossima gara: il Servizio Corse è ormai parte di noi!

Abbiamo imparato a vivere insieme (credetemi, non è sempre facile, soprattutto quando, dopo tre settimane di convivenza forzata al Giro d’Italia, abbiamo tutti i nervi a fior di pelle e non vediamo l’ora di staccare la spina).

Siamo una grande famiglia e la complicità che si è creata fa si che ci si capisca al volo: vediamo e risolviamo i problemi prima che accadano, questa sintonia, che fa girare tutto sempre, non la trovi ovunque!”

Photo credit: Simone Galbiati

La complicità tra compagni di squadra è quello che fa funzionare tutto

“Ricordo una delle prime volte che ho dovuto guidare, era la crono di Sestri Levante in Liguria. Avevo già guidato in una gara a cronometro, ma di quelle semplici, pianeggianti, passerella, mai al seguito di corridori top.

Quel giorno invece, la crono era di 60 km sul versante ligure, ovvero un percorso molto movimentato in cui la concentrazione deve essere massima, sia verso il corridore, che verso il percorso stesso (stretto e tortuoso).

Abbiamo dovuto fare assistenza, superare il corridore davanti, battagliare con le moto sul percorso per mantenere la posizione e restare molto vicino al corridore in discesa a 90 km/h… A pensarci mi viene ancora da sudare freddo!

È stata però una giornata indimenticabile: adrenalina pura, occhi puntati davanti e concentrazione massima su quello che mi diceva il meccanico.

Povero Nicola: ha preso la bronchite quel giorno, perché io avevo perennemente il finestrino abbassato (e guai a dirmi di alzarlo!).

Senza la complicità che ci lega, non ce l’avemmo mai fatta!”

Storie di donne che lavorano nel ciclismo5

Ora Veronica è alla guida del Servizio Corse Shimano

Da gennaio Veronica ha iniziato un nuovo percorso in Shimano Italia come Team Leader Sports Marketing & Events e continua a gestire una squadra di 15 uomini, i suoi “fedelissimi”, coloro che l’hanno seguita in questa nuova avventura col Servizio Corse Shimano.

“Avevano sentito che era una ragazza a coordinare la squadra del Servizio Corse di Vittoria e mi hanno chiamato per gestire il loro in Italia.

Quando ho ricevuto la telefonata dalla casa madre olandese mi sono sentita lusingata: Shimano è l’assistenza ai Mondiali, partner UCI… Ero orgogliosa che il mio lavoro venisse riconosciuto anche da loro!”

Ora il Team del Servizio Corse Shimano è al Dubai Tour, mentre potremo vedere Veronica in campo durante il primo grande evento della stagione di corse in Italia: il 3 marzo alle Strade Bianche in Toscana.

To be conutinued…

Continueremo a parlarvi di GirlStories, donne e ciclismo… Coloro che non necessariamente pedalano ma che fanno di questo sport il loro lavoro, che lo vivono a 360˚.

A presto con tante altre storie… 😉

Michela
http://www.agoemedia.com
Dopo otto anni di esperienza come Marketing & Communications Manager presso un’azienda multinazionale del mondo ciclo, decide che è ora di un cambiamento. Nel 2016 fonda così Ago&Media, media agency che segue progetti di comunicazione in campo sportivo. Nel tempo libero la trovate in giro con la sua bicicletta verso mete sempre nuove. È content contributor per il magazine online Ninja Marketing e scrive di social media marketing. Cicloturista per caso, le piace pedalare con l’aria fresca che le solletica il viso, organizzare i suoi giri sempre con lo spirito della viaggiatrice curiosa. “Chi si ferma è perduto!”.

Rispondi