Home > Eventi > Livigno Great Days: in bici sui trail del Carosello 3000 per trovare la libertà
livigno great days carosello 3000
Eventi

Livigno Great Days: in bici sui trail del Carosello 3000 per trovare la libertà

I Great Days a Livigno sono stati un’esperienza in bici unica… pura sensazione di libertà!

Livigno ormai tutti la conoscono come località per ogni sportivo, dove chi punta ai traguardi più ambiti nel mondo dello sport si rifugia per giorni o per settimane, per trovare la forma perfetta.

Ma Livigno non è solo per chi pratica lo sport come professione, ma è un parco di divertimento per rider a cielo aperto e il Carosello 3000 ce ne ha dato prova.

Le ragazze studiano la mappa del Tutti Frutti Epic Challenge

Io e Valentina abbiamo vissuto un week end davvero sorprendente al Great Days, un evento decisamente alternativo che ha preso parte per la prima volta a Livigno sui divertenti trail del Carosello 3000.

A guidarci sui sentieri c’era Hans Rey, pioniere della mountain bike che tra una mossa di trial e una parabolica non ha esitato a darci qualche dritta su come guidare al meglio la mountain bike.

L’inizio del Great Days di Livigno con la Sunset Ride al Madonon

Il primo giorno è cominciato in bellezza direi, tutto ha avuto inizio verso le 5.30 del pomeriggio con la programmata Sunset Ride. Il cielo azzurro e le nuvolette che facevano da contorno hanno reso il tramonto davvero magico.

sentiero del Madono Livigno

Di certo non è stato facile partire dalla Pianura Padana la mattina e salire a oltre 2500 metri di quota nel pomeriggio in bicicletta, il fiato era cortissimo, e gli strappi ripidi non erano di certo d’aiuto ma… ogni fatica viene sempre ripagata da un panorama mozzafiato che solo da certe vette si può ammirare.

Un breve single track tra ghiaione e un po’ di neve ci ha portato fino al bivacco Madonon… Non potete perdervi di certo il “WC panoramico” con la vista più bella del mondo! 😉

Livigno vista dal Madon Great Days sunset ride

Una breve ma intensa pedalata, resa magica dai colori dell’imbrunire e dalla divertente discesa fino a valle.

Il Tutti Frutti Epic Challenge

Avete mai preso parte a una caccia al tesoro? In bici? La Tutti Frutti Epic Challenge è stata l’occasione per provare questa nuova esperienza.

Livigno Great Days il team Ride Like a Girl / Liv

Il nostro team l’abbiamo chiamato Ride Like a Girl / Liv dato che con me e Vale si è unita Francesca ambassador Liv e ottima rider. Ci siamo conosciute li, quasi per caso, ma abbiamo fin da subito capito che aveva la stessa filosofia di vivere la bicicletta: divertimento, compagnia e relax.

Ed è cosí che ci siamo avventurate in un’intera giornata alla ricerca di oggetti strani in tutto il Carosello 3000. Siamo persino finite con immergere i piedi nel gelido torrente di Livigno, abbiamo rincorso il mitico Bianconiglio e fatto esercizi acrobatici sui cartelli segnaletici.

Livigno Great Days inseguendo il Bianconiglio

Ce la siamo proprio goduta a pieno la giornata, lo scopo del gioco era quello di fare più punti possibili ma noi, non abbiamo voluto prendere la cosa troppo sul serio… Anzi ci siamo fatte prendere dall’entusiasmo di percorrere i nuovi trail del bike park Carosello 3000.

The Wild Goat Trail, un’esperienza in e-Bike

Il terzo giorno ci avevano detto che avremmo dovuto percorrere una salita bella tosta, e dovevamo assolutamente utilizzare l’e-Bike. Ci chiedevamo come mai ed è bastato poco per capirlo.

Il Wild Goat Trail è un percorso poco frequentato per la sua difficoltà di scalata e la discesa non adatta a tutti, ma richiede una buona tecnica di guida in entrambe le situazioni.

A Livigno sul Wild Goat con Valentina Dona

Ma oltre al sentiero sconnesso e verticale c’è da vedersela con l’altitudine a la mancanza di ossigeno che, per chi come noi proviene dalla pianura, può essere un’ulteriore difficoltà da affrontare.

A guidarci c’era Adam di BikeLivigno, guida esperta e paziente anche con me che in certi momenti mi prendevo indietro a spingere a piedi la bicicletta.

Salita alla cima più alta del The Wild Goat Trail

Il sentiero parte da Val Federia per risalire al Rifugio Cassana e poi proseguire seguendo il confine con la Svizzera delineato dagli “omini di pietra”.

Un paesaggio lunare ci circondava e pedalare sulla cresta della montagna è stato un insieme di sensazioni indescrivibili: un po’ di vertigini e un po’ emozione di essere in quel luogo deserto, immersi nella natura quasi a toccare il cielo.

the Wild Goat trail a Livigno

La foto sul punto più alto del nostro giro (3000 mt) non poteva mancare ed è cosí che abbiamo immortalato la nostra meta per poi dirigerci verso la lunga discesa che inizialmente non aveva traccia… Ogni via era buona per scendere… o quasi! 😀

Facevano male le mani, forse stavo frenando un po’ troppo ma tra guardarmi attorno e qualche tratto sconnesso avevo sempre le mani sui freni. Mi sarei fermata ogni metro per scattare una foto e odorare il profumo delle erbe di alta montagna.

Non c’erano alberi in tutto il giro e ad un certo punto della discesa la valle si è aperta sul Lago di Livigno illuminato dal sole. Che spettacolo, a dir poco magico pedalare in un luogo incontaminato a due passi dalla realtà.

discesa verso val federia a Livigno

Ed è quasi volato il tempo, e la fatica, che in un attimo ci siamo ritrovati a tavola del Rifugio Federia con davanti un piatto di maltagliati fatti a mano.

Un’esperienza che non avevo mai fatto prima e devo ringraziare tutti coloro che hanno ideato e messo in piedi questo week end di Great Days.

E allora che dire… c’è solo un modo per rivivere queste splendide emozioni, tornare a Livigno alla scoperta del Carosello 3000 e di tutte le meraviglie che lo circondano. 😉

#TheMountainIsFreedom

Elena
http://www.elenamartinello.com
Nata a Vicenza sono arrivata a un punto della vita in cui faccio ciò che amo: vado in bicicletta... scrivo, racconto e condivido il mondo del ciclismo femminile. Co-fondatrice della community Ride Like a Girl project, ho l'obiettivo di coinvolgere più donne ad avvicinarsi a questo mondo a due ruote. Social media manager, fotografa e viaggiatrice, sempre alla ricerca di emozioni che arricchiscono il mio modo di vedere le cose.

Rispondi